Senza mai arrivare in cima - Paolo Cognetti

Senza mai arrivare in cima

By Paolo Cognetti

  • Release Date: 2018-11-06
  • Genre: Fictie en literatuur
  • Size: 2.66 MB

Alternative Downloads

Server Link Speed
Mirror [#1] Senza mai arrivare in cima.pdf 50,867 KB/Sec
Mirror [#2] Senza mai arrivare in cima.pdf 26,683 KB/Sec
Mirror [#3] Senza mai arrivare in cima.pdf 24,585 KB/Sec

Description

Che cos'è l'andare in montagna senza la conquista della cima? Un atto di non violenza, un desiderio di comprensione, un girare intorno al senso del proprio camminare. Questo libro è un taccuino di viaggio, ma anche il racconto illustrato, caldo, dettagliato, di come vacillano le certezze col mal di montagna, di come si dialoga con un cane tibetano, di come il paesaggio diventa trama del corpo e dello spirito.
Perché l'Himalaya non è una terra in cui addentrarsi alla leggera: è una montagna viva, abitata, usata, a volte subita, molto lontana dalla nostra. Per affrontarla serve una vera spedizione, con guide, portatori, muli, un campo da montare ogni sera e smontare ogni mattina, e soprattutto buoni compagni di viaggio. Se è vero che in montagna si cammina da soli anche quando si cammina con qualcuno, il senso di lontananza e di esplorazione rinsalda le amicizie.
Le notti infinite in tenda con Nicola, l'assoluta magnificenza della montagna contemplata con Remigio, il saliscendi del cammino in alta quota, l'alterità dei luoghi e delle persone incontrate. Questo è il viaggio che Paolo Cognetti intraprende sul finire del suo quarantesimo anno, poco prima di superare il crinale della giovinezza.

«Senza mai arrivare in cima. Viaggio in Himalaya ci riconsegna quei luoghi nello spirito di una esplorazione e di una immedesimazione autentiche in cui sono la natura e l'oltre a plasmare la psiche del viaggiatore che le contempla, ne subisce il fascino, finanche la forza invincibile».
Andrea Velardi, «Il Messaggero»

«Cognetti, tra pecore azzurre e leopardi invisibili, ha fatto un viaggio nell'aspra poesia della natura».
Paolo Mauri, «la Repubblica»

«Paolo Cognetti riprende il passo fisico e letterario - lento, costante, classico - col quale ci aveva lasciati».
Stefania Chiale, «Sette - Corriere della Sera»

keyboard_arrow_up